Opinioni (da quattro soldi)

Il meglio di comunicazione e pubblicità. Secondo me.

Archive for febbraio 2008

Il vero correttore

Posted by calliroe su febbraio 17, 2008

Ancora una pubblicità ben congeniata sugli effetti di un cosmetico anti-età per donne…tra l’altro, vi ricordate questa?

olay42preview.jpg

Correggi la tua età

Advertising Agency: Saatchi & Saatchi Russia
Executive Creative Director: Stuart Robinson
Art Director: Julian Suetin
Associate Art Director: Adrian Ely
Copywriter: Alina Tskhovrebova
Typographer: Lilya Absudova

Via 

Annunci

Posted in donne, pubblicità commerciale | 1 Comment »

Droga gratis?

Posted by calliroe su febbraio 16, 2008

Durante il Super Bowl 2008, il momento in cui la maggior parte degli Americani si ritrova davanti allo schermo, sintonizzati sullo stesso canale (qualcosa come il nostro Festival di Sanremo, almeno una volta, diciamo), per la prima volta nella storia del programma è stato mandato in onda questo spot da 30 secondi di natura sociale.

Il momento della pubblicità nel Super Bowl ha sempre avuto un ruolo cruciale, e vi è sempre stata estrema attenzione su cosa si potesse mandare in onda: questo piccolo spot curato dalla Casa Bianca e dalla Patnership for a free drug America verte sulla testimonianza quasi “documentaristica” di uno spacciatore ormai fallito.

Il motivo è presto detto: i ragazzini non acquistano più le sue merci, non ne hanno bisogno, trovano quello che serve loro direttamente in casa, e gratis…nell’armadietto dei medicinali, infatti, sempre più spesso c’è un self service di sostanze chimiche e alteranti a portata di mano.

Il pay off è “Teens don’t need a drug dealer to get high, safeguard your prescriptions. Safeguard your teens”

[“Gli adolescenti non hanno bisogno di uno spacciatore per sballare, controlla le tue ricette, e salvaguarda i tuoi adolescenti”]

Via -e per maggiori informazioni- Duncan

Posted in droga, eventi, pubblicità sociale | Leave a Comment »

Rose rosse per te

Posted by calliroe su febbraio 14, 2008

Delle volte una rosa non basta per chiedere scusa, e bisogna vedere che scuse sono.
womens-aid-rose.jpg

““Sorry. I told you to shut up you stupid cow. It’s your fault I hit you.”
“For 500,000 British women, Valentine’s is just another day. Women’s Aid is there to help every day of the year. Act now to end domestic violence. Visit womensaid.org.uk”

[“Scusa. Te l’avevo detto, però, di stare zitta, vacca che non sei altro. E’ solo colpa tua se ti ho colpito” “Per 500.000 donne inglesi, il giorno di San Valentino è come tutti gli altri. Women’s Aid è lì per aiutarle ogni giorno dell’anno. Agisci per aiutarci a far smettere le violenze domiciliari. Visita il sito”]

Women’s Aid, in Gran Bretagna, aiuta le donne maltrattate in ambito familiare a uscirne, e questa campagna del 2006 è stata lanciata proprio il 14 febbraio, per un maggiore impatto sullo spettatore.

Io per un secondo penso alle donne italiane che nascondono ogni genere di violenza dietro a occhiali scuri e corazze emotive impenetrabili, e penso davvero che è uno schifo.

Buon San Valentino a tutti, comunque.

Via

Posted in donne, pubblicità sociale | 1 Comment »